Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti.

Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Bandiera polacca

Un anno dopo la proclamazione dell’indipendenza il 1° agosto 1919, la Camera dei deputati della Polonia di nuovo indipendente creò la bandiera polacca nella sua forma attuale. 

La bandiera viene usata dall’inizio del XX secolo ed è divisa in due strisce orizzontali uguali: sopra bianca, sotto rossa. Sulla parte bianca c’è lo stemma: un’aquila d’argento (di colore bianco) con corona, becco ed artigli d’oro su scudo rosso. 
Lo stemma attuale è stato adottato in 1990 dopo il lungo periodo (1952 – 1989) senza corona rimossa dalle autorità comuniste durante la Repubblica Popolare Polacca. 
Il significato dello stemma ha origine nella legenda che racconta l’inizio della nazione polacca. Nell’anno 600 uno dei 3 fratelli di nome Lech, il mitico creatore della Polonia, fondò la città di Gniezno (la parola polacca “gniazdo” significa “il nido”) proprio lì, dove vide un’aquila bianca – simbolo di buon augurio. 
I colori sono stati decisi durante la Rivolta di Novembre (1831) e rappresentano Unione Polacco – Lituana.
Dall'anno 2004 il giorno della bandiera polacca viene celebrato il 2 maggio.


Logo Comites Polonia