Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti.

Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Cenni Storici

La Polonia ha una posizione strategica, si trova nel cuore del vecchio continente ed è stata al centro delle contese dei grandi imperi europei: nel 18° secolo fu spartita tra l’impero prussiano, russo e austriaco. Nel 1795 il paese scomparve dalla carta geografica dell’Europa e solo nel 1918 tornò ad essere uno stato indipendente. Ma nel 1939 scoppiò la seconda guerra mondiale, causata dell’invasione della Polonia da parte della Germania nazista. Successivamente la Polonia fu spartita tra Germania e Unione Sovietica. La Polonia assunse i confini attuali alla fine della seconda guerra mondiale.

Successivamente, durante la guerra fredda, il paese fu governato da un regime comunista filorusso. Negli anni 80 grazie alle manifestazioni civili organizzate dal sindacato Solidarność guidato da Lech Wałęsa la Polonia uscì dal comunismo e Lech Wałęsa fu eletto presidente, il primo presidente della Polonia post-comunista.

Negli anni 90 la Polonia si è impegnata molto in un profondo processo di riforme politico-economiche e nel 1999 è stata ammessa alla Nato e poi nel 2004 nell’Unione Europea.

La Polonia, che storicamente è stata minacciata a est dalla Russia ed a ovest dalla Germania, ha cessato di considerare nemiche queste nazioni avviando un processo di normalizzazione. La Germania oggi è il primo partner commerciale della Polonia, mentre i rapporti con Mosca vivono una costante e reciproca diffidenza generata soprattutto dai timori della Polonia del ritorno dell’influenza russa. Per questo motivo Varsavia dopo il 1991 ha coltivato una stabile relazione con gli Stati Uniti, a livello bilaterale e nell’ambito della struttura transatlantica della Nato.

Oggi la Polonia è un paese dalla rilevante importanza strategica, nel contesto dell’Unione Europea e nel contesto delle dinamiche dell’Europa centro orientale.

Varsavia è molto sensibile ai temi della sicurezza e ai temi delle questioni energetiche e tra le priorità strategiche del paese vi è l’approfondimento delle politiche comunitarie di vicinato nei confronti dell’Europa orientale.

La Polonia, insieme alla Svezia ha promosso il partenariato orientale, un accordo di associazione tra l’EU e Armenia, Bielorussia, Moldavia, Georgia, Ucraina e Azerbaigian.

Inoltre la Polonia è promotrice, insieme a Repubblica Ceca, Ungheria e Slovacchia, del gruppo Visegrad (V4) un’alleanza regionale per favorire una stretta collaborazione tra i membri.

Recentemente la Polonia ha tentato di rinvigorire un accordo tra Francia, Germania e Polonia detto Triangolo di Weimar il cui obiettivo era incrementare l’interdipendenza economica e politica e che era stato congelato con il governo Kaczyński.


Logo Comites Polonia